Besichtigung

Auβer der Stränden ist es möglich, sich folgendes in der Nähe anzüsehen:

RocceBiancheArbus_Mannau01
Grotte „Su Mannau“ Die Grotta di Su Mannau ist eine teilweise für den Tourismus erschlossene etwa 8200 Meter lange Tropfsteinhöhle im Südwesten der Mittelmeerinsel Sardinien. Sie liegt etwa vier Kilometer südlich von Fluminimaggiore im Kalkstein der Terras Nieddas, einem Bergmassiv, das in der Punta Conca s’Ommu mit 613 Metern Höhe über dem Meer seinen höchsten Punkt hat. Aufgrund ihrer bis zu 30 Meter hohen Säle trägt sie den Namen Grotta di Su Mannau. [..LESEN]
RocceBiancheArbus_Antas01
Tempel von Antas Das, wovon das italienische Festland fast unendlich viel hat – nämlich ruinöse, römische Hinterlassenschaften wie Aquädukte, Säulen, Tempel – ist auf Sardinien eher eine Seltenheit. So manch Italienreisender wurde auf der Insel schon enttäuscht: 7.000 Nuraghen, aber kaum Römerzeug. [..LESEN]
RocceBiancheArbus_Henry01
Galleria Henry E‘ questa la più importante struttura della miniera di Planu Sartu (1865). Consentiva il trasporto dei minerali su rotaia dalle fronti di produzione alle laverie. E‘ ubicata alla quota di m. 50 slm, appena al di sopra dell’abitato di Buggerru, e attraversa per circa un Km l’altipiano di Planu Sartu. [..LEGGI]
RocceBiancheArbus_Montevecchio01
Miniere di Montevecchio La miniera di Montevecchio si trova a circa 6 km da Arbus. Oggi conta circa 350 abitanti, ma nei periodi in cui era più intensa l’attività estrattiva è arrivata ad avere oltre 3000 abitanti. Percorrendo l’unica strada che porta alle miniere, dopo pochi km. [..LEGGI]
RocceBiancheArbus_Ingurtosu01
Miniere di Ingurtosu Ingurtosu, insieme a Montevecchio e Monteponi, è stata una delle più importanti realtà minerarie isolane. I vari cantieri che costituiscono la miniera coltivavano la parte mediana del grande filone Montevecchio. La mappa illustra nel dettaglio le varie aree che componevano Ingurtosu. Insieme alla limitrofa miniera di Gennamari essa costituiva un unico complesso. [..LEGGI]
RocceBiancheArbus_PortoFlavia01
Miniere di Porto Flavia Porto Flavia, che prese il nome dalla figlia primogenita del suo progettista, fu realizzato nel 1924 scavando la montagna per circa 600 metri; alla base di due gallerie sovrapposte un nastro trasportatore riceveva i minerali dai depositi sotterranei per trasferirli, con il suo ingegnoso braccio mobile, direttamente nella stiva delle navi di carico alla fonda. [..LEGGI]
RocceBiancheArbus_Entografico01
Museo etnografico Il museo etnografico è stato realizzato all’interno di un vecchio mulino ad acqua del 1700, grazie all’intervento dell’amministrazione comunale e alla fattiva collaborazione dei Fluminesi. [..LEGGI]
RocceBiancheArbus_Spendula01
Cascate di „Sa Spendula“ Spendula significa cascata, Sa Spendula la cascata per antonomasia. Invero questa è la cascata più famosa della zona, resa celebre da Gabriele D’Annunzio che la cantò con una poesia per noi famosa e dai numerosi visitatori, che durante tutto l’anno, la vanno a visitare. [..LEGGI]
RocceBiancheArbus_Barumini01
Nuraghe di Barumini „Su Nuraxi“ Il complesso nuragico di Barumini, così come è visibile oggi con il maestoso nuraghe circondato da un ampio villaggio è il risultato di un’occupazione del sito durata quasi 2000 anni, dal 1600 a.C. circa, fino al III secolo d.C., in piena età romana. In origine il nuraghe complesso era costituito da cinque torri, quella centrale, chiamata anche Mastio, e quattro torri laterali unite da mura rettilinee, all’interno delle quali si trova il cortile interno, dotato un pozzo con sorgente attiva tutt’oggi. [..LEGGI]
RocceBiancheArbus_Coltello01
Museo del coltello sardo Ad Arbus,in via Roma 15, nel cuore del paese, e‘ sorto il primo Museo del coltello Sardo. L’artigiano Paolo Pusceddu, attraverso un’attenta opera di restauro, ha recuperato i locali di una vecchia casa adiacente al suo laboratorio „Coltelleria Arburesa“, allestendovi il museo che, diviso in quattro sale, presenta gli oggetti da lui raccolti in anni di ricerca e di scambi. [..LEGGI]
RocceBiancheArbus_Sanluri01
Castello Medievale di Sanluri La ripresa “ dell’incastellamento “ sul suolo sardo, programmato, e approvato, nel primo istituto parlamentare del „Regnum Sardinuae et Corsicae“ (Castell de Càller 1355) rispondeva alle nuove necessità strategiche e militari del momento, nonché ai nuovi indirizzi di programmazione per il ripopolamento delle campagne e da nuove esigenze della gestione territoriale . [..LEGGI]
RocceBiancheArbus_Gesturi01
Giara di Gesturi La Giara di Gesturi è un altopiano basaltico di origine vulcanica. Situato nella Sardegna centro- meridionale, al confine tra la „bassa marmilla“ e il „sarcidano“, si estende su una superficie di 42 Kmq a circa 600 m. sul livello del mare. [..LEGGI]
RocceBiancheArbus_Sardegna01
Sardegna in Miniatura Una passeggiata nel parco delle miniature è il modo migliore per iniziare un viaggio nella natura, la storia e la cultura della Sardegna. In un percorso immerso nel verde incontriamo le riproduzioni di fare monumenti più significativi realizzati in scala ridotta con ricchezza di dettagli. La visita al parco prevede inoltre la circumnavigazione dell’isola con imbarcazioni guidato dal conducente è la visione d’insieme della torre panoramica [..LEGGI]